Browse By

Part-time agevolato pensionistico

PART-TIME JOBDal 2 giugno è stato introdotto il part-time agevolato (in base alla Legge di stabilità 2016) con un decreto che prevede una misura sperimentale di 3 anni per i lavoratori del settore privato che siano prossimi alla pensione. In pratica viene attivato il principio dell’”invecchiamento attivo” che prevede l’uscita graduale dall’attività lavorativa con alcune agevolazioni.

Per poter usufruire dell’agevolazione occorre essere un dipendente privato a tempo indeterminato full-time, che abbia versato già 20 anni di contributi e a cui manchino 3 anni alla maturazione dei requisiti per la pensione di vecchiaia (il soggetto deve avere quindi 63 anni e 7 mesi ed entro il 31 dicembre 2018 deve maturare i requisiti pensionistici anagrafici). È sempre consigliabile in ogni caso fare bene i conteggi Inps per essere sicuri di rientrare: la richiesta all’Inps può essere effettuata sia in via telematica – se in possesso di pin – sia presso un patronato. Oltre all’accordo con il proprio datore di lavoro, sono necessari il nulla osta dalla Direzione territoriale del lavoro e l’autorizzazione Inps.

Il passaggio al part-time agevolato deve essere concordato con il datore di lavoro tramite un “contratto di lavoro a tempo parziale agevolato”, indicando la riduzione dell’orario lavorativo tra il 40% e il 60%; il contratto ha un durata pari al periodo che intercorre tra la data di accesso al beneficio e la data di maturazione della pensione effettiva.

 

Vantaggi per il lavoratore

Se il dipendente opta per il part-time agevolato, ovviamente accetta una riduzione di stipendio, ma ottiene tre vantaggi importanti:

  • direttamente in busta paga riceve una somma esentasse corrispondete ai contributi previdenziali (a carico del datore di lavoro) calcolati sulla differenza tra la precedente retribuzione full-time a quella nuova part-time. Ad esempio nel caso di un lavoratore che sceglie di ridurre del 50% l’orario di lavoro, il reddito netto mensile part-time comprensivo di contributi corrisponde circa al 70% di quello precedente;
  • lo Stato, in aggiunta, riconosce al lavoratore una contribuzione previdenziale figurativa permettendo così di percepire una pensione senza penalizzazioni ovvero pari al 100% di quella che il dipendente avrebbe ottenuto lavorando fino alla fine a full-time (proprio per questo si tratta di una misura sperimentale su 3 anni per la quale ad oggi sono stati stanziati 240 milioni di €);
  • usufruire del beneficio di poter lavorare meno ore, anticipando gradualmente la pensione vera e propria.

 

Vantaggi per il datore

Il datore ha un vantaggio economico in quanto versa uno stipendio più basso, continua a pagare invariati gli stessi contributi, come prima dell’accordo, e con i soldi risparmiati può incentivare altri dipendenti più giovani.

Rispondi

Piaciuto l'articolo?
Diventa nostro fan
Stai sereno su Facebook
 
Powered by Autience