Browse By

Investire gradualmente con i PAC

investire in PACQuando un soggetto decide di iniziare un investimento deve fare attenzione a due aspetti importanti: i mercati finanziari non sono prevedibili e in alcuni casi può risultare difficile correggere rapidamente le scelte d’investimento errate effettuate; inoltre spesso può succedere che l’emotività, al posto della razionalità, sia la principale guida per le decisioni che vengono prese.

Esiste però la possibilità di risparmiare mettendosi da parte gradualmente un capitale per il futuro grazie a investimenti ben strutturati e programmati, chiamati “piani di accumulo” (PAC), con cui si possono ottenere buoni risultati sia nelle fasi di rialzo che di ribasso dei mercati acquistando periodicamente piccole quantità e diluendo l’investimento nel tempo: in uno scenario di crescita, il capitale investito si apprezza, mentre nei momenti di ribasso, si acquista a prezzi più convenienti. Quindi, i vantaggi sono molteplici:

  • sia l’elemento emotivo sia quello del “timing” (cioè del momento giusto per entrare nel mercato) vengono attenuati;
  • si possono investire anche piccole somme per volta (la scelta migliore è quella di un PAC mensile);
  • si aumenta la diversificazione del proprio portafoglio, investendo in categorie e classi di investimento differenti (dato che si possono distribuire meglio somme più contenute).

Esempio: ipotizziamo di avere disponibili 6.000€ da investire e che il valore della quota iniziale sia pari a 50€, l’ipotetico investitore acquista quindi 120 quote. Se dopo 6 periodi di oscillazioni di mercato, il valore della quota si assesta a 40€, ma l’investitore decide/ha bisogno di ritirare i propri soldi, realizza una perdita di [6.000€ – (120 quote * 40€)] = – 1.200€.

Se lo stesso investitore opta per il medesimo investimento, ma con modalità PAC, acquista con 6 versamenti da 1.000€ ciascuno. Lo scenario quindi diventa (ipotizzando la stessa volatilità di mercato precedente):

  • nel primo periodo il valore della quota è a 50€: con 1.000€ l’investitore acquista quindi 20 quote
  • nel secondo, il valore della quota scende a 40€: con 1.000€ acquista 25 quote
  • nel terzo, il valore della quota scende ancora a 30€: con 1.000€ acquista 33 quote
  • nel quarto, il valore della quota scende ulteriormente a 25€: con 1.000€ acquista 40 quote
  • nel quinto, il valore della quota si riprende a 30€: con 1.000€ acquista 33 quote
  • nel sesto, il valore della quota risale a 40€: con 1.000€ acquista 25 quote.

In totale ha acquistato quindi 176 quote e dopo 6 periodi realizza un guadagno di [ (176 quote * 40€) – 6.000€] = + 1.040€, mentre se avesse investito gli stessi soldi tutti subito avrebbe perso 1.200€!

Concludendo, il PAC è una modalità di investimento consigliabile per ogni categoria di investitori, in quanto permette di: avvicinarsi ai mercati finanziari con maggiore serenità, di risparmiare costantemente nel tempo, di ridurre il rischio connesso ad un errato timing dell’investimento e di ridefinire la propria asset allocation.

Rispondi

Piaciuto l'articolo?
Diventa nostro fan
Stai sereno su Facebook
 
Powered by Autience