Browse By

Dichiarazione dei redditi: come pagare meno tasse l’anno prossimo?

 In questo periodo tanti di noi stanno recuperando o hanno appena consegnato tutta la documentazione necessaria per la propria dichiarazione dei redditi relativa al 2015. A chi non è sorto spontaneo questo pensiero: “Come vorrei pagare meno tasse l’anno prossimo …”? Ebbene, grazie al Decreto Legislativo n. 252 del 05/12/2005 che regolamenta la normativa relativa ai Piani Individuali Pensionistici (PIP) esiste un modo (legale!) per farlo.

Si tratta quindi della possibilità di sottoscrivere i PIP, cioè delle polizze assicurative private che permettono di accumulare i propri risparmi finalizzati all’integrazione della pensione, ma soprattutto di usufruire di un grosso vantaggio fiscale (sia in fase di accumulo, sia al momento della maturazione dei requisiti pensionistici statali o relativi alla propria cassa previdenziale professionale).

Infatti, in fase di accumulo, i contributi versati annualmente all’interno del PIP sono deducibili dal reddito al 100% per un importo massimo pari a € 5.164,57 annui (le vecchie 10 milioni di lire). L’importo deducibile viene tradotto in credito d’imposta per i lavoratori autonomi e liberi professionisti nella dichiarazione dei redditi, per i dipendenti in un incremento della busta paga di luglio dell’anno successivo. In pratica, in base agli scaglioni di reddito annuo lordo e alle aliquote Irpef in vigore, si può facilmente calcolare quanto versare sul PIP e quindi l’importo annuo deducibile che ne deriva.

730

Ad esempio, se ho un reddito annuo lordo di 60.000€, rientro nel 4° scaglione e ho come aliquota massima il 41% dell’Irpef. Versando sul PIP 5.000€ nel 2016 (anche a rate, basta sia stato tutto versato dal 1° gennaio al 31 dicembre), avrò comunque messo da parte 5.000€, inoltre avrò diritto a una deduzione fiscale di 2.050€ che realizzerò a luglio 2017.

Oltre a questo primo vantaggio fiscale, a scadenza (cioè quando si arriva in pensione) la posizione liquidata è tassata ad una aliquota secca del 15% invece che della propria aliquota Irpef. Grazie però all’abbattimento dello 0,30% per ogni anno di partecipazione superiore al 15°, la tassazione scende ulteriormente fino a un minimo del 9%. Da notare che questa agevolazione vale anche per il tfr destinato a forme pensionistiche complementari (vedi precedente articolo: TFR nella previdenza complementare: vantaggi per tutti).

Ad esempio con un reddito annuo lordo di 60.000€, un’aliquota massima al 41%, un versamento di 5.000€ annui per 15 anni (cioè 75.000€), ogni anno si scaricano 2.050€ (cioè 30.750€). A scadenza i 75.000€ sono tassati al 15% invece che al 41% (quindi solo 11.250€), per cui alla fine del piano si risparmiano (75.000-11.250+30.750)=94.500€. In parole povere con questo esempio, grazie all’adesione al PIP, si risparmia il 26% di tasse!

Come per il tfr, esiste la possibilità di richiedere dei riscatti parziali prima della pensione: il 75% del capitale fin da subito per gravi motivi di salute (per sè, coniuge o figli); il 75% del capitale dopo 8 anni di adesione per acquisto o ristrutturazione della prima casa (per sè o per i figli); il 30% del capitale sempre dopo 8 anni per qualsiasi altro motivo.

La prestazione caso morte prevede che il capitale sia girato ai beneficiari designati in polizza pari ai premi netti versati rivalutati (in base al tipo di linea di investimento scelta e al consolidamento dei rendimenti della gestione scelta).

 

ATTENZIONE AD ALCUNI ASPETTI!

Come ultimo punto, rimane molto importante valutare le possibili opzioni a scadenza: come per il tfr, è possibile scegliere tra il ritiro del capitale al 100%; oppure di prendere il capitale al 50% e una rendita vitalizia al 50%; o di convertire al 100% il capitale in rendita vitalizia. Attenzione solo che la prima opzione può essere scelta solo nel caso in cui il 70% del capitale maturato genera una rendita vitalizia inferiore alla metà dell’assegno sociale in vigore per legge (cioè non si devono sforare i 70.000€ circa di capitale finale). Altrimenti bisogna per forza ritirare tutto o parte del capitale sottoforma di rendita vitalizia seguendo i calcoli di conversione in rendita che si baseranno sull’aspettativa di vita e sui requisiti demografici in vigore al momento della pensione, cioè molto penalizzanti (vedi precedente articolo: Pensione? Dobbiamo pensarci da soli!).

Riflessioni: il PIP è molto indicato per chi abbia bisogno di scaricare fiscalmente anno per anno, specialmente se ha un’aliquota Irpef elevata, e/o se non mancano troppi anni alla pensione (diciamo che la fascia di età consigliata per l’adesione ai fini pensionistici è quella dai 50 anni in su). Se si è più giovani (20-50 anni) e non si ha forte necessità di scaricare fiscalmente, sono più indicate altre forme di risparmio pensionistico privato che non abbiano vincoli statali, né rispetto alla durata del piano, né rispetto alla prestazione finale o al calcolo statale di aspettativa di vita.

Rispondi

Piaciuto l'articolo?
Diventa nostro fan
Stai sereno su Facebook
 
Powered by Autience