Browse By

Umberto Talamo spiega perché è importante insegnare a programmare sia a scuola che in un CoderDojo

coderdojo_TAHo letto l’articolo scritto da Umberto Talamo e riportato da StartupItalia ormai qualche settimana fa. Il tema ruotava intorno all’insegnamento dei linguaggi di programmazione ai ragazzi nelle scuole. Più che i motivi, Umberto in questo articolo dava qualche consiglio su come farlo. Così quando ho deciso di chiamarlo per questo podcast di Start Me Up gli ho subito chiesto perché fosse così importante insegnare la programmazione a scuola. «È fondamentale – ha risposto – perché permette ai ragazzi a sviluppare il pensiero computazionale». Quindi non un semplice apprendimento di codici, ma, grazie ad essi, un cambio di mentalità che può tornare utile in ogni aspetto della vita di una persona.

Addirittura Umberto parla di inserire la programmazione come quarta abilità di base dopo leggere, scrivere e far di conto. L’origine di questo percorso è da individuare in un articolo di Jeannette Wing, una professoressa americana che adesso lavora per Microsoft Research.
Ciò che Umberto porta avanti a scuola, lo replica anche all’interno del Coderdojo Taranto, di cui è uno dei promotori. «Ho scoperto i coderdojo al Tedx di Lecce dell’anno scorso – racconta ai microfoni di Start Me Up – e così abbiamo messo in piedi il nostro laboratorio dove insegniamo ai bambini come funziona il pensiero computazionale». Qui l’insegnamento è addirittura ancora più importante perché i bambini mostrano una facilità di apprendimento impressionante: è necessario insegnare loro solo i primi passaggi di un determinato codice e poi, in maniera del tutto naturale, sono i bambini stessi a dedurre quello che c’è dopo.
Per approfondire per bene tutti questi temi, ma anche per restare aggiornati sulle attività del Coderdojo Taranto potete visitare coderdojotaranto.it.

 

Rispondi

Piaciuto l'articolo?
Diventa nostro fan
Stai sereno su Facebook
 
Powered by Autience