Browse By

Ora possiamo avere un’identità digitale grazie a Spid

Spid identità digitaleAnche la pubblica amministrazione italiana si sta lentamente informatizzando e così dal 15 marzo entra in vigore Spid il nuovo sistema di accesso ai servizi online, messo a punto dall’Agenzia per l’Italia digitale (Agid), che nasce con lo scopo di semplificare il rapporto tra il cittadino e la pubblica amministrazione, noto cruccio del bel paese. Ma a cosa serve e come lo utilizzeremo davvero nella vita di tutti i giorni?

Nuovi e vecchi servizi tutti a portata di click

Si partirà da sette regioni (Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Piemonte, Lazio, Umbria e Liguria) per poi andare via via a coprire tutto il territorio nazionale. Le potenzialità sono davvero enormi in quanto si potrà usufruire sia di semplici servizi di pubblica amministrazione online, come ad esempio la possibilità di pagare il bollo auto, l’Imu, la Tari, o cambiare l’indirizzo di residenza, sia di servizi innovativi e più complessi dal punto di vista digitale come pagare la colf o iscrivere il proprio figlio all’asilo nido, visionare il proprio fascicolo sanitario ecc, per un totale complessivo di circa 600 servizi.

Spid, acronimo di “Sistema pubblico di identità digitale”, sarà usufruibile anche dalle imprese in quanto permetterà ad esempio la possibilità di visionare e fare richiesta di accesso ad avvisi e bandi comunitari, o di gestire il processo di fatturazione e pagamenti elettronici.

Come fare per richiedere gli accessi a Spid

Occorre iscriversi e fare richiesta delle credenziali di accesso ad uno degli attuali tre fornitori del servizio (Poste, Tim e Infocert), che sono autorizzati dall’Agenzia per l’Italia Digitale a svolgere il ruolo di identity provider, ed una volta ricevute occorrerà verificare la propria identità o per via telematica (Firma Digitale o Carta D’identità Elettronica) oppure recandosi di persona presso uno dei centri messi a disposizione dal fornitore selezionato.

Esistono tre livelli di sicurezza differenti a seconda delle diverse tipologie di servizi a cui si vuole accedere: il primo livello permette l’autenticazione grazie ad ID e Password scelte direttamente dall’utente e sarà gratis per i primi due anni; il secondo livello prevede in più una One Time Password che verrà inviata tramite SMS direttamente all’utente e richiede un costo annuale; infine il terzo livello oltre alla password prevede il rilascio di una smart card da utilizzare al momento dell’autenticazione.

2 thoughts on “Ora possiamo avere un’identità digitale grazie a Spid”

  1. Trackback: diggita.it
  2. Trackback: ZicZac.it, clicca qui e vota questo articolo!

Rispondi

Piaciuto l'articolo?
Diventa nostro fan
Stai sereno su Facebook
 
Powered by Autience