Browse By

Obbligazioni Subordinate: cosa sono e perché evitarle

Obbligazioni subordinate cosa sonoSe ne è sentito parlare tanto negli ultimi mesi, in particolare in relazione al caso di salvataggio di alcune banche, ma cosa si intende veramente per obbligazioni subordinate e perché sono tanto rischiose?

Come valutare le obbligazioni

Partiamo con il definire cos’è una obbligazione (bond in inglese): è un titolo di debito che viene emesso da una banca, da una società o da un ente pubblico e che attribuisce alla scadenza il diritto ad un rimborso del capitale versato più un interesse su tale somma.

Sul mercato, però, sono presenti differenti tipi di obbligazioni che vengono classificate in base al livello di rischio associato alla loro capacità di restituire il capitale, il quale determina l’interesse corrisposto, e alla prelazione nel diritto di ricevere il rimborso in caso di fallimento del soggetto emittente. Ad esempio le obbligazioni non garantite risultano essere più rischiose delle obbligazioni ordinarie, in quanto in caso di fallimento la tutela per l’investitore sarebbe minore (si rischierebbe di essere sorpassati da tutti quei soggetti a cui la legge garantisce una maggiore tutela, come ad esempio i correntisti o i dipendenti della banca)

I titoli subordinati

I bond subordinati sono una particolare categoria di titoli che presentano un grado di rischio superiore alla media, con rendimenti più elevati e per la quale, in caso di insolvenza dell’emittente, il rimborso avviene dopo tutti i creditori ordinari (da questo il nome di subordinate, nel senso che vengono pagate per ultime). Solitamente non hanno una data certa di rimborso del capitale, sono emesse come titoli perpetui che prevedono la possibilità di essere “richiamate” dall’emittente a certe date.

Viene, però, così meno uno dei diritti basilari dell’obbligazione, ovvero quello del rimborso del capitale, rendendo così questo strumento molto simile ad un titolo azionario in termini di rischio. Ma mentre il soggetto che investe il proprio capitale in azioni sa che potrà andare incontro al rischio di perdita del capitale, il soggetto che investe in obbligazioni si aspetta di vederselo rimborsato alla scadenza. Ciò è quello che è accaduto a molti investitori, soprattutto perché gli enti emittenti non hanno adeguatamente informato i risparmiatori sulle differenze tra le varie tipologie di obbligazioni.

In linea generale è quindi sempre bene diffidare da proposte di investimento che presentano un alto tasso di rendimento ed un rischio basso o moderato, in quanto il mercato finanziario molto difficilmente (per non dire mai) contempla prodotti con queste caratteristiche, e anche se ormai sono in essere dei piani per evitare le crisi bancarie, è bene non mettere a rischio il proprio capitale.

One thought on “Obbligazioni Subordinate: cosa sono e perché evitarle”

  1. Pingback: Il bail in, le banche e le conseguenze sui risparmiatori
  2. Trackback: Il bail in, le banche e le conseguenze sui risparmiatori

Rispondi

Piaciuto l'articolo?
Diventa nostro fan
Stai sereno su Facebook
 
Powered by Autience