Browse By

Bici – incentivo: pedalare e guadagnare anche in Italia

Guadagnare con pedalando con il bici incentivo

Il modello non è del tutto innovativo dato che è già stato adottato in Francia ormai da qualche anno, ma è molto semplice ed allettante: aggiungere allo stipendio un rimborso spese collegato ai chilometri percorsi in bici per andare al lavoro. Dopo Francia e Belgio, dove un’iniziativa simile è in vigore già dal 1997, anche in Italia ci si sta finalmente muovendo per incentivare le persone ad abbandonare l’utilizzo dell’auto per i propri spostamenti, complice anche il ritorno dell’inquinamento dell’aria a livelli molto elevati.

Come funziona il bici – incentivo

L’indennità chilometrica è stata introdotta in via sperimentale a Parigi nel 2014 e dato il grande successo si è deciso di renderla una misura stabile nel corso dello scorso anno. In Francia il bonus è pari a 0,25 € a km, esentasse, e viene versato al dipendente direttamente dalle imprese che devono però decidere volontariamente di aderire al progetto, evitando in questo modo un appesantimento della “macchina” burocratica statale. La verifica dello spostamento avviene tramite un’applicazione installata sullo smartphone che controlla ogni giorno il percorso fatto e tiene il calcolo di tutti i chilometri effettuati nel corso del mese e dell’anno.

In Italia la proposta è in fase di studio, Torino e Milano saranno le due città apripista, non è quindi ancora possibile sapere se saranno replicate le stesse condizioni del sistema francese, anche se ce lo auguriamo vivamente.

Facciamo due calcoli

Ma cosa vuol dire in termini economici decidere di abbandonare l’auto per usufruire del bici-incentivo? Se prendiamo ad esempio un soggetto che percorre giornalmente 10 km per andare e tornare dal lavoro il bonus si trasformerebbe, con il modello francese, in 2,5 € al giorno e quindi in 50€ al mese. Non male se si conta che oltre a questo guadagno si andrebbe a risparmiare anche sul costo della benzina e di un eventuale pagamento della sosta. Inoltre, nel lungo periodo, incentivare le persone a non utilizzare l’auto per muoversi avrebbe dei riscontri positivi sulla salute dei cittadini, che si tradurrebbero in una minor spesa sanitaria da parte dello stato.

3 thoughts on “Bici – incentivo: pedalare e guadagnare anche in Italia”

  1. Pingback: Startup e consegne in bicicletta, la nuova frontiera del guadagno.
  2. Trackback: Startup e consegne in bicicletta, la nuova frontiera del guadagno.
  3. Giorgio says:

    Io facvio già 34 km a/r ( senza contare che per allenarmi andando al lavoro ne faccio almeno 70 )tutti i giorni casa lavoro che sono 8,5 € al giorno 180 € al mese. Come fare lo straordinario! Mi sa che la mia ditta non accetta. A meno che non ci sia il modo di scaricare la spesa . ….

  4. Pingback: L'assicurazione per ciclisti finalmente è realtà
  5. Trackback: L'assicurazione per ciclisti finalmente è realtà

Rispondi

Piaciuto l'articolo?
Diventa nostro fan
Stai sereno su Facebook
 
Powered by Autience